Home

L'ASSOCIAZIONE OPERA CON L'AUSILIO DEGLI ANIMALI, CANI PRINCIPALMENTE,

NELL'ASSISTENZA SOCIALE E SOCIO-SANITARIA

Il termine Pet Therapy è stato usato per la prima volta dallo psichiatra americano Boris Levinson e si trova riferimento per la prima volta, nel 1961, nel libro “The dog as co-therapist”.

Il neuropsichiatra constatò come l’impiego di animali durante la terapia fornisse risultati positivi e più sorprendenti.

In seguito anche altri specialisti, medici, psicoterapeuti, educatori e fisioterapisti, confermarono quanto osservato da Levinson: l'ausilio di animali integra, rafforza e coadiuva le terapie normalmente effettuate; innalza il buon umore, favoriscono una maggiore reattività, predispone e facilita il rapporto con i terapisti. Nei sintomi di stress, la presenza o il contatto con gli animali, riduce sensibilmente il battito cardiaco, la pressione arteriosa e la tensione muscolare.

 

La Pet Therapy non è solo la carezza...

... erroneamente, si pensa che la Pet Therapy, la “terapia per mezzo dell’animale”, si limiti soltanto all’incontro con il Cane, al contatto e al gioco con esso; ma la Pet Therapy è molto di più!

E’ importante sapere che, un vero operatore di Pet Therapy, ha seguito un corso di formazione specifico e conseguito il superamento dell’esame per la Qualifica Professionale; che, anche il suo amico e collaboratore a quattro zampe, durante il corso, è stato addestrato, messo alla prova e valutato in base alla sue caratteristiche e infine, abilitato per l’area di lavoro idonea.

 

 

"Scrivono di Noi ..."

Clicca l'immagine per vedere l'articolo sul sito di SEMPIONE NEWS